Gran Tour in Irpinia

  • Comune di Cassano Irpino
    Cassano Irpino
    capofila
  • Comune di Calabritto
    Calabritto
  • Comune di Bagnoli Irpino
    Bagnoli Irpino
  • Comune di Montemarano
    Montemarano
  • Comune di Salza Irpina
    Salza Irpina
  • Comune di San Mango Sul Calore
    San Mango
    sul Calore

Cosa Visitare

 

Percorsi tra arte e natura

Il centro storico di Bagnoli Irpino prende il nome di Giudecca, da coloni di origine ebraica che per primi lo abitarono in epoca medievale. E' composto da un intricato dedalo di vicoli che oggi presentano caratteristiche architettoniche spagnoleggianti. L'antico borgo sorse attorno ad un fortilizio di epoca normanno-sveva, oggi conosciuto come Castello Cavaniglia. Non vi è una data certa relativa alla costruzione dell'edificio, ma l'impianto normanno della costruzione, tuttavia, induce ad anticipare la data della fondazione, attribuendola alla famiglia degli Altavilla. Il maniero, dopo essere stato proprietà di diverse famiglie, attraversò il periodo di massimo splendore sotto la signoria dei Cavaniglia, di cui ancora oggi reca il nome. Il castello fu da essi trasformato in residenza gentilizia e dotato di un'imponente torre quadrata, con un corpo avanzato sul lato nord-ovest, che rappresenta la parte meglio conservata della struttura. Numerosi sono gli edifici religiosi, ricchi di opere d'arte. Meritano senz'altro una visita la Chiesa e il Convento di San Domenico, dove è custodita una preziosa pala d'altare del 1572, opera di Marco Pino da Siena e raffigurante la Madonna del Rosario. L'edificio di maggiore rilevanza dal punto di vista storico-artistico di Bagnoli Irpino è però la Collegiata di Santa Maria Assunta, costruita nel XII secolo sulla collina della Giudecca e ampliata nel XVI secolo. As suo interno si trovano capolavori di grande pregio, come le opere in legno realizzate da Scipione Infante e Jacopo Bonavita, autori del coro adornato con pannelli intarsiati con scene tratte dal Vecchio e dal Nuovo Testamento. Si distinguono, all'interno del suo edificio le tele di Andrea D'Asti e Iacopo Cestaio e le statue di Domenico Di Venuta (o De Venuto). Altri rilevanti edifici religiosi di Bagnoli Irpino sono la Chiesa di Santa Margherita, in stile tardo-barocco, il Convento o Monastero di S. Caterina da Siena, risalente al XVII secolo, la chiesa della Pietà, la chiesa di S. Giuseppe e il Santuario del Salvatore, situato su un alto promontorio che affaccia sul Lago Laceno. Al centro del paese si trova la Torre dell'Orologio forma un tutt'uno con la Fontana del Gavitone che incorpora un Carpine secolare. Sulla parte bassa della Torre è presente una meridiana sulla quale si trova uno stemma gentilizio recante i simboli delle famiglie, Canaviglia, Orsini e Caracciolo. Nelle vicinanze sorgono antiche residenze nobiliari, tra cui si distinguono il Palazzo Baronale dei Cavaniglia e Palazzo Tenta, che ospita la biblioteca e la pinacoteca in cui sono custodite opere appartenenti soprattutto alla corrente artistica dei macchiaioli.


Questo sito utilizza i cookie: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.